Salute

Fecondazione assistita: l’eterologa è possibile solo in Friuli, Emilia e Toscana

fecondazione-assistita-leterologa-e-possibile-solo-in-friuli-emilia-e-toscana

Fecondazione assistita ed infertilità: possibile rimedio ad una oramai troppo diffusa problematica ma che ancora non ha esiti del tutto positivi come confermato dalle tantissime donne che sono costrette ad essere sottoposte ad interminabili cure ormonali, molte delle quali si affidano al tanto sconsigliato “fai da te”.

Troppo lunghe sono infatti le liste di attesa, per non scendere poi nei particolari dell’eterologa che è possibile effettuare solo in tre regioni del nostro Paese, cioè Toscana (Careggi di Firenze) Emilia Romagna (S’Orsola Malpighi di Bologna) e Friuli Venezia Giulia (Santa Maria degli Angeli, Pordenone).

Secondo segretaria nazionale dell’Associazione Luca Coscioni, Filomena Gallo, «non c’è equità nell’accesso alle cure nel pubblico: se non ho 7 mila euro da spendere nel privato devo rinunciare ad una cura. Forse una soluzione potrebbe essere convenzionare i privati quando il pubblico non riesce a fornire la tecnica. Chi non ha soldi non può accedere a queste tecniche e non può adottare perché bambini italiani non ce ne sono e per le adozioni internazionali si spendono dai 20 ai 30 mila euro».

Parole che ci fanno fortemente intuire come gli elevati costi non permettono l’accesso di tutti a questo tipo di trattamento, che in Italia, nonostante sia un Paese dotato di appositi centri, sono tutti di tipo privato, ed i costi arrivano a volte a superare anche i diecimila euro.

Se a questo poi si aggiungono i problemi legati all’eterologa in merito all’assenza di banche di gameti sia femminili che maschili, sommato inoltre alle interminabili liste di attesa che in alcuni casi possono arrivare fino ai due anni, il quadro generale che ci si presenta non è davvero tra i più rosei.

Il consiglio quindi è quello di cercare il più possibile di mantenersi sane, sottoponendosi periodicamente a degli appositi controlli che in determinate occasioni, come quella odierna legata alla Giornata Nazionale della Salute della Donna, sono in forma del tutto gratuita.

Comments
To Top