Gossip

Paola Perego e la gaffe sulle donne dell’est a “Parliamone… Sabato”

Dopo la gaffe dei giorni scorsi a “Parliamone… Sabato”, il programma di Rai 1 condotto da Paola Perego, sulle donne dell’est, il format televisivo rischia la chiusura a causa del maschilismo estremo mostrato dalle dichiarazioni.

Paola Perego Parliamone sabato donne dell'estSabato scorso a “Parliamone… Sabato”, Paola Perego, in compagnia degli ospiti l’ex Miss Italia Manila Nazzaro, il direttore di Novella 2000 Roberto Alessi, Marta Flavi e l’attore Fabio Testi, ha ampiamente discusso del caso delle “donne dell’est”, ponendo vari quesiti tra cui “Sono rubamariti o donne perfette?”.

Il dibattito è proseguito su quel basso livello, dopo di che addirittura si riduce ancor di più quando la conduttrice ha letto una lista, che spiegherebbe perché gli uomini preferirebbero sposare donne provenienti dell’est, piuttosto che quelle originarie di altri Paesi. Ecco di seguito i punti letti da Paola Perego:

  • 1) Sono tutte mamme, ma dopo aver partorito recuperano un fisico marmoreo;
  • 2) Sono sempre sexy, niente tute né pigiamoni;
  • 3) Perdonano il tradimento;
  • 4) Sono disposte a far comandare l’uomo;
  • 5) Sono casalinghe perfette e fin da piccole imparano i lavori di casa;
  • 6) Non frignano, non si appiccicano e non mettono il broncio.

Non solo gli ospiti non accennano a intervenire mostrando la propria indignazione, ma addirittura commentano come se nulla fosse. La situazione, parodizzata da molte ore ormai sui social, è stata oggetto di discussione in varie sedi, tra le quali quella della Rai, che nelle ultime ore ha deciso di chiudere la rubrica in questione de “La Vita in Diretta”.

“Gli errori si fanno e le scuse sono doverose ma non bastano. Occorre agire ed evolversi. – ha dichiarato il direttore generale Antonio Campo Dall’Orto – La decisione di chiudere “Parliamone… Sabato” non è infatti solo la semplice e necessaria reazione ai contenuti andati in onda lo scorso sabato, contenuti che contraddicono in maniera indiscutibile sia la mission del Servizio Pubblico che la linea editoriale che abbiamo indicato sin dall’inizio del mandato. E’ anche una decisione che accelera la revisione del daytime di Rai 1 sulla quale peraltro stavamo già lavorando da tempo. Questo al fine di rendere i contenuti Rai sempre più coerenti ai valori che ne ispirano la missione.”

Comments
To Top