Musica

Prince, la star deceduta da poco non dormiva da ben sei giorni

Dopo la morte di Prince, cantante e volto iconico musicale e dello spettacolo della nostra generazione, sorgono nuovi dubbi sulle dinamiche che hanno portato il cinquantasettenne a morire.

“Non dormiva da ben sei giorni” – queste le dichiarazioni incredibili del cognato, che ha raccontato che Prince ha lavorato per 154 ore di seguito, senza soste e senza mai riposo.

prince cantante mortoLa morte di Prince ha letteralmente sconvolto il mondo. Vi avevamo già raccontato la notizia, ma oggi torniamo a riparlarne a causa di nuovi spunti di riflessione trapelati dalle indagini e dalle dichiarazioni delle persone vicine al cantante.

Quando muore un cantante del calibro di Prince, solitamente il funerale è un evento immancabile, al quale partecipano le autorità statali, i principali artisti a livello mondiale, i familiari, gli amici e anche i fan. Dopo la morte di Prince, però, avvenuta in maniera non troppo chiara, i familiari hanno voluto optare per una cerimonia riservata, alla quale hanno partecipato poche persone. Questa decisione ha fatto destare qualche sospetto ai fan, che sono rimasti scioccati alla notizia della cremazione, come se ci si volesse disfare di un qualche indizio.

A scombussolare ancor di più gli animi, si ci mette il cognato del cantante cinquantasettenne, Maurice Philips, che ha raccontato: “Ero con lui l’ultimo weekend: ha lavorato per ben 154 ore di seguito. Negli ultimi giorni appariva pallido e debole: di certo non era nella sua forma migliore.”

Comments
To Top